contano le persone

Jean Blanchaert

Sono nato nel 1954 a Milano, città nella quale lavoro come critico d’arte, curatore, giornalista e artista. Per più di trentacinque anni ho condotto la Galleria Blanchaert, fondata nel 1957 da mia madre Silvia, a Milano. Storico punto di riferimento per gli artisti e i conoscitori del vetro del ‘900 e contemporaneo, la galleria ha al suo attivo innumerevoli mostre, in Italia e all’estero, nelle quali ha presentato i lavori di alcuni fra i migliori artisti, artisti-artigiani, designer e fotografi del mondo. Il profilo internazionale caratterizza da sempre il mio lavoro.

Ho curato decine di mostre in luoghi istituzionali, nel campo del vetro, della ceramica, dell’alto artigianato, ma anche nell’ambito dell’arte e della fotografia. Da giornalista ho collaborato per tredici anni alla trasmissione Passepartout (Rai 3) con Philippe Daverio e sono collaboratore fisso del mensile Art e Dossier (Giunti Editore).

Parallelamente all’attività editoriale e curatoriale, sono anche illustratore, calligrafo e scultore in vetro. Il disegno, in particolare il disegno a china, è una mia costante passione da almeno quarant’anni. Come calligrafo e disegnatore ho pubblicato vari libri per Rizzoli Editore.

Qualora fossi eletto, mi piacerebbe contribuire all’arricchimento culturale della città in cui sono nato e che amo da sempre. Una Milano che negli ultimi vent’anni si è incredibilmente estesa e che per questo deve essere valorizzata di più anche nelle periferie. Mi entusiasma il progetto “Milano a 15 minuti” che immagino particolarmente adatto a un suo futuro legame più stretto col mondo della cultura. In questo perimetro vi includo, ad esempio, artigiani, custodi del sapere culinario e nuovi cittadini con le diverse usanze dei loro paesi d’origine, sempre nello spirito di una società più inclusiva, senza barriere, a cominciare da quelle architettoniche. Sarei quindi felice di mettere a disposizione la mia trentennale esperienza italiana e internazionale nei diversi campi dell’arte e degli eventi a essa correlati.

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin