le nostre idee

Milano SOSTENIBILE

La svolta ambientale nello spazio costruito della città rappresenta una sfida molto delicata e complessa. Chiede infatti che vengano ripensate le abitudini, introdotti nuovi comportamenti, verificati i risultati. 

Il nostro vuole essere un ambientalismo pragmatico che abbia la forza di diventare un fattore culturale, per cui tecnologia e innovazione non saranno mai minaccia, ma i migliori alleati. Questa sfida potrà essere vinta solo attraverso un rapporto costante con le imprese, fianco a fianco. Non servono brutali passi indietro rispetto alla qualità della vita, serve un cambio di direzione, di modello di sviluppo.

Grazie ai superincentivi (bonus 110%) ai prossimi fondi del PNRR per le città, al potenziamento del trasporto pubblico e della ciclabilità Milano è nelle condizioni di fare questa svolta e di proseguire la ‘transizione ambientale’ avviata in questi anni. Serve un’azione forte dell’Amministrazione Comunale ma anche il coinvolgimento convinto dei cittadini, delle famiglie, del sistema delle imprese e dei servizi. La sfida la vinciamo se giochiamo tutti insieme.

Milano ACCESSIBILE

Milano, per continuare ad essere una grande città, ha bisogno di essere aperta e accessibile ai suoi cittadini eliminando le barriere architettoniche, sociali, economiche e culturali.

Accessibile ai cittadini con disabilità, alle famiglie nuove e numerose con redditi bassi, ai giovani lavoratori e agli studenti. 

Musei, impianti sportivi, scuole, biblioteche devono diventare spazi e servizi ad accesso universale così come la casa popolare, l’edilizia convenzionata in proprietà e in affitto, devono essere potenziate per poter garantire una risposta a costi più accessibili

Milano DELLA PARITÀ DI GENERE

Milano è la città dei diritti e delle libertà: è la città che non solo rispetta le differenze, ma anzi le valorizza. La lotta contro gli stereotipi e contro ogni tipo di discriminazione è alla base di una Milano abitata da una società più giusta, più rispettosa e più forte.

Il bilancio di genere ad esempio, adottato nel 2021, è uno strumento che ci permette di guidare le scelte dell’amministrazione, di individuare e punti di forza dell’azione pubblica e di lavorare sui punti di debolezza.

Vogliamo introdurre nei bandi pubblici le ‘certificazioni di genere’ definendo meccanismi di premialità per le aziende che intervengono sul gender gap, sul salary gap, sul supporto alla genitorialità. Vogliamo migliorare l’organizzazione della città (trasporto pubblico, apertura e chiusura delle scuole e dei servizi, flessibilità negli orari di lavoro) per conciliare meglio il tempo della cura, il tempo libero, il tempo del lavoro, in particolare per le famiglie con figli.

Milano DELL'EQUITÀ INTERGENERAZIONALE

Crediamo che la giustizia intergenerazionale debba diventare un principio imprescindibile alla guida delle politiche della nostra città. Milano conta oggi circa 300.000 giovani tra i 15 e i 34 anni: studenti, giovani professionisti, giovani famiglie che si trovano in una situazione di precarietà mai vista prima.

La distribuzione dei redditi italiani ha infatti una sola costante: il reddito medio dei più giovani diminuisce in modo costante tra il 1975 e il 2017 (dati Oxfam Italia). Per invertire questa tendenza, sono necessarie, tra le altre cose, politiche attive del lavoro, politiche di genitorialità inclusiva, supporto abitativo che aiutino i giovani a lasciare il proprio nucleo familiare con le loro gambe e in tempi giusti.

Desideriamo una Milano che riparta dai giovani, che li renda i protagonisti del futuro che ci aspetta: non solo degli spettatori passivi, ma dei cittadini attivi, consapevoli e coinvolti nella nostra comunità.

Milano CITTÀ IN 15 MINUTI… MA APERTA H 24

La città in quindici minuti è l’immagine che meglio coniuga il dinamismo metropolitano con l’attenzione ai quartieri. Milano vive contemporaneamente la scala metropolitana, delle grandi infrastrutture e delle connessioni veloci, dei distretti di impresa e delle reti globali e la scala locale, del sistema dei quartieri e delle identità dei suoi numerosi centri storici.

È un sistema aperto 24h, che non si spegne mai ma è anche un tessuto vicino e di prossimità che facilita le relazioni, la solidarietà, il protagonismo dei gruppi di cittadini che si prendono cura del quartiere.

Una città che sta nel mondo ma che non dimentica i luoghi in cui abitiamo, le relazioni che costruiamo, il senso di appartenenza, la rete dei servizi, del commercio, degli spazi pubblici che fanno qualità e benessere.

Milano SEMPLICE PERCHÈ INTELLIGENTE

Milano è tra le città più digitalizzate d’Europa. Abbiamo costruito le basi per una trasformazione digitale della Pubblica Amministrazione che ci permetterà di evitare le code e le attese, di doverci spostare quando non è necessario, di rimbalzare da un ufficio ad un altro, di portare più volte lo stesso documento ogni volta che chiediamo un servizio.

Grazie alla tecnologia Milano digitale è pronta per diventare più semplice e più funzionale.

Milano VIVACE, CULTURALE E CREATIVA

Milano ha tutte le caratteristiche per non perdere la sua attrattività nel mondo post-covid, ma dobbiamo lottare affinché rimanga quello che è oggi. Affinché non venga abbandonata dai giovani, studenti e lavoratori, dalle giovani coppie e dalle giovani famiglie. Affinché non diventi una città da cui scappare appena si finisce di lavorare, ma rimanga la città del tempo libero, delle aree gioco per bambini, dei concerti, dei grandi eventi.

La pandemia ci ha costretti a chiuderci nelle nostre case: ora è più che mai fondamentale restituire lo spazio pubblico alle persone: regolamentando i dehors, individuando le soluzioni migliori grazie all’urbanistica tattica, procedendo con i progetti delle diverse piazze aperte.

Il successo di Milano come meta turistica è diventato un fatto. Interrotto dall’anno di pandemia si tratta ora di rilanciare la città e di rafforzarne il ruolo. Oltre ai grandi eventi e agli appuntamenti più tradizionali che segnano la vita culturale della città (i teatri, le mostre e i musei, BookCity, Piano City) Milano deve dare spazio alle nuove ‘voci’ in cerca di affermazione e di visibilità.

Spesso si tratta di artisti giovani e molto giovani che devono poter trovare, a partire dai loro quartieri, occasioni e possibilità per potersi esprimere, per dare voce alla creatività e alla vivacità culturale, caratteristiche delle grandi città. Dobbiamo costruire regole più semplici per le manifestazioni in pubblico, ridurre i costi degli spazi, mettere a disposizione laboratori e studi in condivisione negli interventi di riuso delle aree dismesse.

Milano SPORTIVA

La pratica di prossimità, in 15 minuti, sia indoor sia outdoor, sarà la vera sfida futura, così come la realizzazione di accesso universale alla pratica sportiva, contribuendo a quella coesione sociale e integrazione cui fa riferimento la Comunità Europea, quando considera lo sport un elemento imprescindibile delle Amministrazioni Pubbliche.

A livello di base e a livello agonistico, promuovendo azioni per ospitare tutte le discipline sportive, con attenzione costante al patrimonio sportivo scolastico e, partendo dalla scuola, promuovendo la cultura del riequilibrio di genere. Protagonista del mandato 2016/21 è stata l’intensa riqualificazione degli impianti sportivi di base a cura dei Concessionari del Comune di Milano insieme ai “grandi” progetti, alcuni dei quali saranno realizzati nel prossimo mandato, tra cui la riqualificazione dell’Agorà, del Lido, del Centro Ippico Lombardo e della piscina Cardellino, il futuro centro natatorio olimpico.

A questi si aggiungono i siti olimpici dell’ex Palasharp, che verrà completamente riqualificato, e la realizzazione del PalaItalia nel quartiere Santa Giulia.

Rafforzeremo le risorse per la promozione e l’aumento dell’attività sportiva continuativa, attraverso bandi di contributi a sostegno della numerosissima platea associativa milanese e delle società concessionarie. Con convinzione sosterremo la nostra partecipata Milanosport, per incentivare la pratica sportiva attraverso tariffe agevolate.

Completeremo la riqualificazione del parco impiantistico pubblico in modo capillare. L’infrastruttura impiantistica così impostata si realizzerà nel prossimo mandato in maniera compiuta e permetterà all’Amministrazione di lavorare in vista dell’appuntamento olimpico, per lasciare, dopo l’evento, un moto e uno spirito nuovo. L’educazione e la cultura sportiva saranno protagoniste della “Generazione 2026”, in prospettiva dei Giochi Olimpici e Paralimpici Invernali di Milano-Cortina 2026.

Acquisire stili di vita più attivi, aumentare la pratica sportiva, è l’obiettivo primario, dello sport inteso, oltre che come veicolo di promozione del benessere psicofisico, anche quale strumento di inclusione e integrazione sociale. Lavoreremo per ingaggiare le nuove generazioni, attraverso la diffusione della cultura sportiva e dei valori olimpici e paralimpici, con particolare coinvolgimento delle persone con disabilità e i giovani in situazioni di disagio. Siamo già partiti. Non dovremo lasciare indietro nessuno. Questo scandirà l’impegno dei nostri prossimi 5 anni.

Milano OLIMPICA

I Giochi Invernali Olimpici e Paralimpici 2026 rappresentano una grande occasione e una prospettiva di valore e di crescita per tutta la città e per l’ampio territorio coinvolto.

Saranno i Giochi per i giovani, che si svolgeranno in una città globale e saranno di ispirazione per la cd. generazione 2026, che amerà fare sport e ne abbraccerà i valori nella vita quotidiana. Grazie alle Olimpiadi Milano avrà una esposizione internazionale fortissima non solo durante i Giochi ma anche negli anni che mancano all’inizio delle gare e, come è già accaduto con Expo, anche negli anni successivi, con ricadute positive in termini di flussi turistici, indotto economico e sviluppo della città.

La sostenibilità è il cardine del dossier di candidatura: sostenibilità delle infrastrutture, che verranno realizzate in diversi quartieri della città, per i quali, grazie ai Giochi, verranno accelerati i progetti di riqualificazione; sostenibilità dell’evento e sostenibilità delle Legacy.

Le Paralimpiadi porteranno alla realizzazione di percorsi di accessibilità universale, che renderanno Milano una città sempre più accogliente in ogni ambito territoriale e per tutti, realizzando a pieno il piano di eliminazione delle barriere architettoniche già in essere.

I valori classici dei Giochi e dello sport: l’inclusione sociale, l’amicizia tra i popoli, un corretto stile di vita per la tutela della salute, uniti alla sostenibilità, costituiscono una forte spinta al miglioramento della città e dei suoi abitanti e saranno determinanti per le scelte amministrative dei prossimi anni e per delineare la città che vorremmo e che vorremo. Sfruttando la potenza mediatica, culturale ed economica delle Olimpiadi lasceremo un’eredità indelebile al nostro territorio e ai nostri giovani.

Milano A TUTELA DEGLI ANIMALI

Nel mandato 2016-21, la Giunta e il Consiglio Comunale di Milano hanno approvato un nuovo Regolamento per la Tutela e il Benessere degli Animali, giudicato da molti particolarmente innovativo.

Nei prossimi cinque anni è quindi necessario lavorare affinché il Regolamento divenga parte integrante del comportamento della cittadinanza e delle Istituzioni e non rimanga un semplice elenco di norme e principi.

Grazie al lavoro sul regolamento abbiamo, inoltre, compreso la necessità di sviluppare un articolato programma di educazione della cittadinanza ad un corretto rapporto con gli animali, in particolare con i cani che sono in costante crescita numerica nella città.

Il canile/gattile di Milano sono strutture all’avanguardia, che saranno sostenute e sviluppate in modo continuo, al servizio delle popolazioni di cani e gatti della città e dei cittadini.

Per il prossimo mandato è importante rafforzare l’impegno economico per il canile/gattile e potenziare l’Ufficio Tutela Animali per implementare il Regolamento in modo efficace, con un forte programma di educazione/informazione continuo sulla convivenza con gli animali in città, per la tutela degli animali e il rispetto dei cittadini, in particolare incentrato su: quali sono gli animali adatti da tenere in città (razze di cani, specie non convenzionali; come comportarsi con le popolazioni crescenti di animali selvatici a vita libera in città).

Si dovrà partire dalle scuole, con corsi specifici per sensibilizzare le ragazze e i ragazzi sull’importanza della scelta di avere un animale in casa. Per il prossimo mandato ci concentreremo sulla possibilità di sviluppare un servizio di pronto soccorso per gli animali selvatici in città (misto pubblico-privato), come modello anche per altre città e su un tema delicato: organizzare un’assistenza veterinaria/assicurazione a favore degli animali di cittadini indigenti.